Differenza tra subacquea tecnica e ricreativa

Differenza tra subacquea tecnica e ricreativa

Differenza tra subacquea tecnica e ricreativa

Molti sono i subacquei così detti ricreativi che si immergono a profondità comprese tra i 5 ed i 40 metri, normalmente con una bombola e senza mai superare i limiti di tempo previsti di non decompressione. Esistono però altri subacquei che si immergono con tecniche ed attrezzature differenti e sono detti tecnici. Ma qual è la differenza tra questi due tipi di subacquea? Perché esiste? Chi vi può accedere? Cercheremo di rispondere a queste domande con questo nostro breve intervento.

UN TETTO SULLA TESTA

Dal corso Open Water Diver in poi ti è sempre stato detto che le immersioni ricreative sono quelle in cui in qualsiasi momento durante l’esplorazione si può risalire direttamente in superficie rispettando ovviamente la velocità di risalita. La subacquea tecnica invece ci mette un tetto sopra la testa. Questo tetto può essere fisico come nel caso di immersioni in un relitto, sotto il ghiaccio, in grotta oppure virtuale come nel caso di immersioni in decompressione o fuori curva. Questa differenza, che può sembrare banale agli inesperti o imprudenti in realtà è abissale e pone tantissimi paletti rispetto alla subacquea ricreativa. Di seguito i più importanti:

  1. Attrezzatura adatta. Si dovrà avere tutto doppio dalle bombole ai computer, perfino al GAV. Ciò comporta necessariamente dei costi diversi rispetto alla subacquea ricreativa.
  2. Capacità di risolvere i problemi in acqua senza poter riemergere.
  3. Disciplina e pianificazione dell’immersione. Si dovrà pianificare bene l’immersione in termini di tempo profondità e scorta d’aria, errori in questo senso, non avendo accesso diretto alla superficie possono comportare incidenti gravi anche mortali.
  4. Logistica complessa. La subacquea tecnica raramente può essere fatta senza una logistica robusta che preveda barca di supporto, personale di supporto e, in casi di immersioni particolarmente complesse, team di supporto.
  5. Rischi alieni alla subacquea ricreativa. Se nella subacquea ricreativa rischi come tossicità dell’ossigeno sono molto bassi nella subacquea tecnica con più miscele sono un rischio reale.

PERCHE’ SI FANNO IMMERSIONI TECNICHE

Le immersioni tecniche permettono di esplorare siti o profondità inaccessibili con l’addestramento o l’attrezzatura ricreativi. Chi si spinge verso questo tipo di subacquea è spesso animato dal desiderio di scoprire luoghi e profondità che hanno un senso di “proibito”. Unitamente a questo attrezzature particolari, come rebreathers o scooter subacquei rendono questo tipo di immersioni particolarmente interessanti e stimolanti

SICUREZZA

Entrambi i tipi di subacquea se fatte rispettando regole e linee guida vigenti hanno dei margini di sicurezza molto alti. La subacquea tecnica, come tutti gli sport che si spingono oltre allo standard di pratica canonico, ha inevitabilmente qualche rischio in più. Bisogna comunque dire che il vero rischio della subacquea tecnica è quello di sottovalutarla e di considerarla una cosa solo un po’ diversa rispetto la subacquea ricreativa quando in realtà abbiamo visto che sono due cose completamente differenti. Avere un bagaglio di esperienza ricreativo di 1000 immersioni ad esempio e di 10 immersioni tecniche ci fa essere comunque n subacqueo novizio nell’ambito tecnico. Questo atto di umiltà è difficile da digerire per qualcuno ed ecco che istruttori o sub esperti si spingono ad esplorare cunicoli, relitti o a fare immersioni in decompressione senza l’esperienza o l’attrezzatura adatti per lo scopo. In questi casi l’incidente, anche fatale, potrebbe essere dietro l’angolo.

IL NOSTRO CONSIGLIO

La subacquea tecnica è senza dubbio stimolante ed eccitante, tuttavia essendo al di fuori degli standard canonici della pratica subacquea ricreativa, richiede delle competenze e delle attrezzature che sono molto più selettive. Consigliamo pertanto di affrontare questo tipo di subacquea con umiltà, prendendo degli appositi corsi, investendo sull’attrezzatura idonea per poter scoprire questo modo di immergersi in sicurezza. Si deve essere amanti delle procedure, delle attrezzature nonché perfetti conoscitori delle competenze generali della subacquea per questo si chiama per l’appunto subacquea tecnica. Se non si è disposti a rispettare queste tappe obbligatorie, o non si è pronti, è meglio aspettare.

Per chi fosse interessato ad iniziare dalla subacquea ricreativa, vi consigliamo di visitare la pagina con i nostri corsi di sub a Udine alla ricerca del percorso formativo più adatto alle vostre esigenze.

Condividi