Primo soccorso e volontariato

Primo soccorso e volontariato

Primo soccorso e volontariato

La figura professionale esperta nell’ambito del primo soccorso ha assunto sempre maggior rilievo nel tessuto culturale e sociale italiano: operatori con competenze da mettere al servizio del prossimo, una vera diffusione valori etici a disposizione di un’azione volontaria e solidale. Il percorso da intraprendere per avere competenze spendibili in un qualsiasi contesto sociale non è semplice, poter vantare conoscenze pratiche idonee all’applicazione delle tecniche di primo soccorso richiede la frequentazione di corsi di aggiornamento e di qualifica altamente formativi.

C’è stretta connessione tra le tecniche di primo soccorso (Basic Life Support, tecniche di rianimazione, utilizzo del defibrillatore semiautomatico esterno) e l’attività di volontariato, chi è esperto in materia non necessariamente mette a disposizione la propria professionalità a scopo meramente lucrativo; il volontariato è un’attività di aiuto spontaneo e solidale, in grado di nobilitare chi utilizza le competenze acquisite a favore di  persone malate, bisognose di aiuto o che vivono in una condizione di palese disagio fisico o psichico. Poter aiutare senza chiedere nulla in cambio è una concezione che incarna il vero spirito volontaristico, in cui si ottiene una soddisfazione personale e professionale talvolta più gratificante della ricezione di un compenso economico. Gli operatori di primo soccorso che si mettono al servizio del prossimo sono figure sempre più ricercate ed apprezzate dalle varie associazioni ONLUS; la partecipazione non è circoscritta alla presenza fisica del volontario, bensì un suo coinvolgimento concreto, proattivo e competente. Le conoscenze nozionistiche acquisite in ambito formativo e dimostrate sul campo permettono un miglioramento sensibile della qualità del servizio profuso.

Sono molte le associazioni che ricercano operatori esperti in tal senso: ben venga la presenza e la partecipazione del volontario, meglio ancora se coadiuvato da competenze tecniche spendibili per la causa. In primis la Croce Rossa Italiana sempre disponibile ad accogliere nuovi volontari per le numerose attività poste in essere, dalla partecipazione come addetto sanitario esterno durante una manifestazione sportiva agonistica o amatoriale a progetti umanitari di portata ben più rilevante come un’assistenza sanitaria completa e continua in Paesi dove c’è reale mancanza di welfare e di competenze medico-scientifiche necessarie: contribuire proattivamente con le giuste competenze a cause così importanti potrebbe tradursi in un motivo di soddisfazione personale inimmaginabile. Altra grande realtà è la ONG fondata nel 1994 da Gino Strada Emergency la quale si è distinta negli anni per la sua presenza e le sue attività umanitarie in tutto il Mondo: l’interesse della organizzazione non governativa non è solo inserire nella propria struttura medici ed infermieri che abbiano conseguito un titolo universitario – per quanto tale peculiarità possa garantire titolo preferenziale nella scelta d’inserimento di nuovi volontari – bensì anche figure che possiedono corsi di formazione e specializzazione in primo soccorso e BLS, ma comunque qualificate per tali nobili progetti.

Se se sei già pratichi il volontariato prova a dare un’occhiata ai nostri corsi di primo soccorso ad Udine e di BLDS. Ti si apriranno nuovi orizzonti!

Condividi